Ecco tutte le nuove tecnologie a servizio del torrefattore

develop your coffee idea!

Si può costruire un nuovo modello di business nel mondo del caffè, che tenga insieme qualità e responsabilità sociale lungo tutta la filiera? b.farm è un’azienda innovativa con un team di competenze che coprono tutta la filiera del caffè, dalla coltivazione in piantagione al prodotto finito, un modello di business nuovo, che coniuga conoscenza, qualità e responsabilità sociale.

b.farm _ empower your business per noi vuol dire essere creativi, innovativi e sostenibili, rimettere al centro le persone e le loro abilità. b.farm è a disposizione di chiunque voglia sviluppare una nuova idea di business nel mondo del caffè e diffondere i valori di qualità e responsabilità sociale, offrendo consulenza e sviluppo manageriale per realizzare progetti innovativi legati al mondo del caffè.

Leggi gli approfondimenti a cura del nostro team di professionisti e contattaci per saperne di più.

Massimo Barnabà: Ecco tutte le nuove tecnologie a servizio del torrefattore

TOSTATURA TECNOLOGICA IL FUTURO DEL SETTORE

In un periodo in cui parecchi tamburi delle migliaia di macchine tostatrici disseminate lungo la nostra penisola (e isole, nessuna esclusa) sono immobili in attesa di tempi migliori, propongo una breve riflessione sulla tecnologia che dovrebbe aiutare chi quelle macchine le utilizza giornalmente. Non voglio entrare nel merito della tipologia di tostatrice che viene utilizzata: ce ne sono talmente tante e con mille varianti, e a mio avviso si possono ottenere risultati egregi con “quasi” tutte le configurazioni presenti sulla scena.
A tamburo o a letto fluido (davvero poche, ma in abbinamento alla capsula questa tecnologia sembra aver trovato la sua ragion d’essere), con tamburi pieni o forati; con bruciatori a gas o a gasolio, o ancora con caldaie a legna, a fiamma diretta o indiretta. E ancora quelle che privilegiano la conduzione o la convezione… l’elenco sarebbe ancora più lungo, ma mi fermo qui: la combinazione di queste variabili fa capire quante possibili configurazioni ci possano essere.
Certo è che da un po’ di anni da queste macchine, anche dalle più vetuste, spuntano congegni e cavi che, immancabilmente, finiscono in un pc: sono le sonde di temperatura, che ci permettono di conoscere con precisione chirurgica la temperatura dei chicchi che stiamo tostando, dell’aria che entra nel tamburo e di quella che esce dopo aver riscaldato il caffè.
Dopo decenni di tostate in cui con i provini campionatori si prelevava una manciata di chicchi per vedere se erano al punto di colore ottimale, finalmente la tecnologia dà una mano al tostatore, aiutandolo e supportandolo nel suo compito quotidiano.

OGGI IL TOSTATORE È UNA FIGURA IN BILICO TRA L’ESPERTO ARTIGIANO…

…custode dei saperi tramandati da chi gli ha insegnato il mestiere, e un nerd che passa la giornata tra grafici, curve di tostatura, RoR (il Rate of Rise, cioè quanto il caffè aumenta la temperatura nel tempo); punti di flesso e percentuale di tempo di sviluppo: l’eterno dilemma tra pratica e teoria. Come spesso accade, il rischio è di passare da un estremo all’altro: dalla pura sensorialità del tostatore che “tosto con il naso. Perché riconosco dall’odore quando il caffè è a fine tostatura” alla matematica espressione che “per un caffè per espresso, il tempo di sviluppo deve essere il 25% del tempo di totale tostatura”.

TOSTATURA, UN PROCESSO IN CONTINUO EQUILIBRIO

Le virgolette ci sono perché queste frasi le hanno dette persone che tostano caffè ogni giorno, tutti i giorni. Nel primo caso odori, colori, rumori sono i segnali che il caffè trasmette al tostatore per comunicargli cosa fare durante la tostata: la produzione sarà in balìa del naso del tostatore, quindi vietato ammalarsi, e di questi tempi sarei proprio curioso di veder annusare il caffè con la mascherina…
Nel secondo invece, protagonista è la temperatura (principalmente quella dei chicchi), e di conseguenza la curva di tostatura che deve avere forma e dimensioni perfette: il caffè è relegato in un ruolo secondario, se la curva va bene, il caffè dovrà essere buono per forza.

SENZA ARRIVARE AGLI ESTREMI DI CUI SOPRA, È NECESSARIO CHE LA TECNOLOGIA DI CUI SI DISPONE OGGIGIORNO VENGA UTILIZZATA AL SERVIZIO DEL PRODOTTO

E della soddisfazione delle persone e non sia essa stessa mezzo e fine: conoscere l’andamento della temperatura dei chicchi durante la tostatura è importantissimo. Ma anche saper modulare la curva di tostatura in base alle stagioni e alla intrinseca variabilità della materia prima.
E queste operazioni possono essere fatte solo con un attento esame del tostato, dal colore alle caratteristiche fisiche, chimiche e sensoriali. Trovando relazioni tra condizioni di tostatura e proprietà del prodotto finito. È dalla sintesi tra teoria e pratica che si genera la conoscenza.
Credo che facendo tesoro delle esperienze di chi tosta “a naso” e avvalendoci delle tecnologie più moderne si possano comprendere i meccanismi che stanno alla base della tostatura e governare questo complesso processo. Non più quindi una dicotomia tra teoria e pratica, tra fare e sapere: abbiamo bisogno di saper fare.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

b.farm

è una startup neonata che si occupa di consulenze nel mondo del caffè dal verde alla valutazione dell’espresso, comprendendo quindi tutta la filiera. L’obiettivo è quello di sviluppare nuovi modelli di business nel mondo del caffè, innovativi ed etici.

articolo di:

Massimo Barnabà, è laureato in ingegneria chimica e con oltre quindici anni di esperienza nell’industria del caffè. Dal 2020 fa parte del- lo staff b.farm come responsabile di numerosi progetti strategici.

massimo@bfarm.it